Fotolibro, come si può non averne almeno uno che racconti qualcosa di sé o qualcosa cui teniamo?

Che la fotografia è una delle mie più grandi passioni, credo che sia abbastanza evidente. Ciò che passa inosservato è che cosa intendo io per fotografia.
Al di là del dire le solite cose -fermare il tempo, conservare un ricordo, scattare quello che vedono i miei occhi, congelare gli attimi- per me è un rettangolino cartaceo plastificato da tenere in mano che racconta qualcosa.
Potrebbe sembrare banale questa descrizione,

ma se rimane dentro un monitor, non è tanto una fotografia, quanto più un’immagine. E’ sempre bella, non ci sono dubbi. Affascinante, senz’altro. Ma quando ce l’hai tra le mani trasmette qualcosa in più, perché la tocchi, l’annusi, la poggi sul comodino, l’osservi da più angolazioni, la porti con te, la mostri a chi ritieni opportuno.
Per me si parla di fotografia vera e propria quando le immagini dall’intangibile diventano tangibili.
Avere un fotolibro a portata di mano da sfogliare ogniqualvolta ne sentiamo il bisogno, è quasi d’obbligo anche per chi non ha questa passione, per chi non sa fare fotografie.
I momenti felici del nostro passato, i dettagli del quotidiano, i ricordi di una vacanza.
Non per forza devono essere presenti i volti delle persone nelle stampe, il bello di utilizzare la fotografia come strumento di racconto visivo, sta proprio nel fatto che è quasi necessario mostrare i dettagli di ciò che si racconta, non solo le persone, perché è dai dettagli che si percepisce l’essenza di ciò che si è.
Mi sarebbe molto piaciuto, per esempio, avere un album di me piccola che mi mostrasse la mia culla, la mia stanza, un ingrandimento delle mie mani, il biberon, e tutti quei dettagli che io non potrò mai sapere.
Gli oggetti del mio primo giorno delle elementari, per esempio. La mia prima cartella, ricordo che era bellissima, una di quelle classiche, ma non ricordo più il colore e il disegno che c’era su. Mi ricordo solo che anche i quaderni erano in coordinato con tutto il resto.

Non si può non avere un album fotografico. Bisognerebbe farne almeno uno all’anno. Anche un formato piccolo (15×10)cm andrebbe benissimo, se si vuol risparmiare. Ma non si possono tenere fredde immagini rinchiuse in un monitor, bisogna selezionare le più salienti ed inserirle in un bel album oppure rivolgersi ad un professionista per un bel lavoro da ricordare

A tal proposito, vorrei raccontarvi di un lavoro fotografico cui ho lavorato di recente.
Ho avuto l’opportunità di provare la qualità di stampa di www.saal-digital.it, un sito che offre prodotti grafici di qualità.
Ho realizzato un fotolibro nei minimi particolari (copertina disegnata con illustrator, fotografie post prodotte con il pacchetto Adobe, e il software gratuito Saal-digital per l’impaginazione).
E’ arrivato in tempi brevi in un sacchetto di cartoncino, con della carta spugna e sigillato in una busta di plastica trasparente.


E’ adatto a professionisti e non.
Per i professionisti che adoperano software del pacchetto adobe, sono messi a disposizioni profili colore e un plug-in per l’impaginazione di InDesign (unica pecca, non funziona per la versione 2017), inoltre si possono ordinare delle prove di stampa.
Per i non professionisti o per chi non usa Adobe, si può scaricare gratuitamente il software tramite cui scegliere i prodotti desiderati, impaginare, ordinare, il tutto in modo molto semplice e veloce.


La qualità di stampa è ottima ed anche il prezzo ha un buon compromesso.
La rilegatura è piatta e permette una fotografia panoramica.


Vi è anche una discreta scelta di copertine, tra l’ecopelle, il simil legno, laminato, opaco, lucido ed altri materiali, unica pecca, quelle opache e lucide si possono personalizzare con immagini e scritte mentre invece quelle in ecopelle e altri materiali solo con una scritta.

Importantissimo sottolineare la velocità di spedizione, in soli 3 giorni mi è arrivato il fotolibro.

Altro punto di merito è il servizio clienti, disponibile alle esigenze dei clienti. Ho potuto constatare io stessa l’efficienza a causa di una piccola ammaccatura al bordo copertina del fotolibro da parte del corriere.
Segnalato l’accaduto al centro assistenza, mi è arrivato un secondo album gratuito in tempi brevissimi.

In conclusione, questo sito è sicuramente da provare e mi raccomando, non si può non avere a casa almeno un fotolibro all’anno che racconti i nostri momenti salienti.

Marisina V.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...