Tappeto pieno di parole

Mi ricordo ancora le notti insonni di qualche anno fa, passate tra pensieri che non volevano andar via.
Oggi come allora, mi ritrovo a camminare su un tappeto pieno di parole che intralciano i miei passi.
Nessuna mano tesa, nessun appiglio su cui farmi forza.
Questa volta sono solo io.
Questa volta voglio rialzarmi da sola.
La strada è ancora lunga…

Marisina Vescio

Un dolore che uccide senza far morire

La vera sofferenza d’amore è quando ti rendi conto che la storia in cui hai messo tutta te stessa, (e col termine “tutta te stessa”, intendo proprio tutto: anni -tanti, tantissimi-, lacrime, sentimento, speranze, emozioni, sogni, rinunce, finanche il nome da dare ai tuoi bimbi), sia finita davvero.
Non parlo di quelle fini temporanee, che dopo qualche mese si ritorna insieme, anche se, è vero, quando finisce, non puoi mai sapere se ci sarà un ritorno, anche se è fortemente sperato.
La vera sofferenza d’amore è quando ti rendi conto che lui ormai ti ha dimenticato e che ha già un’altra.
La vera sofferenza è quando ti rendi conto che, mentre tu ancora speri che tutto quello in cui hai creduto, lottato, rinunciato, versato lacrime, annullato te stessa perché preferivi la sua felicità, diventasse un noi fatto di “per sempre”, si è tramutato invece in un “ti amo ancora, mi manchi, come hai potuto? senza di te non posso vivere” e al contempo sai che devi andare avanti nonostante tutto.

Maris

Frammenti di me #5

Prima di natale, ho seguito un corso di scrittura creativa durato circa tre mesi.
Il docente, bravissimo, era un giornalista affermato.
Non ho imparato nulla di particolarmente rilevante da sconvolgere il mio modo di scrivere, ma mi ha dato un cosa importante, fondamentale, che non ho mai avuto: consapevolezza.
Che cosa vuol dire?
Che prima scrivevo di getto senza davvero rendermi conto del valore delle parole e della punteggiatura.
Adesso, scrivo sempre di getto, ma ho consapevolezza di quello che scrivo, delle parole da usare, di come usarle, di quanto sia importante non esagerare con la punteggiatura e neanche non adoperarla affatto.
Io prima scrivevo perché avevo qualcosa da dire.
Adesso scrivo perché, il qualcosa da dire, voglio raccontarlo.

Maris

In ogni frase e in ogni romanzo c’è sempre un pezzettino di te.

Qualche mese fa (o forse meno), avevo iniziato a scrivere una storia che raccontava di due donne diventate amiche.
Poiché di recente ho avuto una brutta delusione a riguardo, mi sono fermata al primo capitolo.
Questo dimostra che, le storie, è vero, sono puramente inventate, ma le emozioni e i sentimenti descritti in esse sono autentici!
Ecco perché in ogni frase e in ogni romanzo, il lettore ritrova sempre almeno un pezzettino di sé, perché lì dentro, a prescindere dalla storia, ci si mette l’anima!

Maris

E se poi #1

Ci son tante cose che vorremmo fare, ma che accantoniamo o per mancanza di tempo o di denaro.
Andare a correre o in piscina, per esempio.
Iscriversi al quel nuovo corso pilates e yoga.
Provare a fare quei capcakes tanto deliziosi che si vedono un po’ dappertutto nel web.
Tra le varie cose, avrei voluto fare un corso di dizione.
Ho sempre pensato che mi avrebbe fatto sentire più sicura di me, il saper adoperare la giusta cadenza, il giusto tono, la giusta intonazione.
Perché sapete, ho paura di parlare. Non so parlare.
Quando devo dire qualcosa ritornano tutti i miei “e se poi?”!
E se poi il mio accento non piacerà?
E se poi mi prenderanno in giro?
E se poi non saprò dire le giuste parole?
E se poi mi bloccherò?
E se poi verrò giudicata per la mia cadenza?
Ho sempre pensato che la dizione avrebbe messo fine a tutte le mie incertezze.
Ma è una di quelle cose che rimando sempre o per mancanza di tempo o di denaro. E forse perché in fondo non sono poi così sicura che sia la soluzione giusta.
Forse devo solo imparare a parlare senza più pormi problemi.
Ed è quello che sto iniziando a fare.
Le paure, si vincono solo sfidandole.

Maris

Frammenti di me #4

Ritorno spesso sui soliti argomenti.
Ci rimugino. E non mi do pace quando non trovo una ragione plausibile. E non tanto sugli eventi di vita o sui comportamenti altrui, ma sulle mie reazioni.
Sono capace di trascinare per anni la stessa domanda su un dato episodio: perché mi lascio sconfiggere? Perché non difendo ciò che è mio? Perché cedo facilmente il posto?
Una persona che è capace di sostenere il falso pur di ottenere ciò che vuole e lotta con unghie e denti, mi fa paura.
È questo il vero motivo.
Le persone che dichiarano il falso, sanno di mentire e vogliono mentire. Per questo fanno di tutto per infangare l’onesto affinché perda di credibilità agli occhi della gente.
Perché a loro interessa soltanto ottenere ciò che vogliono a discapito di chiunque!
Ed io resta allibita di fronte a tutto ciò.
Non so difendermi.
Non trovo argomentazioni.
Resto indifesa con la mia verità in mano.
Una verità cui nessuno crede.
Perché è più facile dare ascolto alle bugie.

Come quel tema di tanti anni fa. L’avevo scritto io. Pensato, elaborato, messo su carta con la mia solita bic.
Ogni parola scritta era un frammento di me.
Perché io quando scrivo ci metto l’anima, anche se si tratta di argomenti di cronaca.
Eppure mi venne detto che “non era farina del mio sacco”, per citare le testuali parole. Accusata dalla cocca della docente.
Scrivo spesso di questo episodio.
Sempre lo stesso. Anche se può semprare che mi sia capitato più volte. Ma no. Sempre quel solito episodio che non mi stancherò mai di ripetere.
Perché mi fa ancora male.
Perché non sono stata creduta.
Perché avrei potuto lottare, ribellarmi, difendermi per sostenere la mia giusta causa.
Eppure ho subito, sconfitta, quel voto ribassato, nonostante supplicassi la docente di credermi.

Maris

Abbi cura di te

“Abbi cura di te”, mi disse.

Mentre la pioggia batteva forte sull’ombrello che a stento riusciva a ripararci i capelli.

Non risposi, per paura di non riuscire a parlare.

E in quel silenzio che durò un solo istante, rividi le immagini di una vita intera.

Non credevo che stesse accadendo davvero.

Un abbraccio. È quello che mi sarei aspettata.

Una carezza, un proviamoci ancora, un mi sei mancata.

Nulla di tutto questo.

Avrei voluto dirgli che l’amavo ancora, io che non sono mai riuscita a dire un ti amo. Avrei voluto dirgli “resta”, “senza di te mi manca il respiro”, “mi si chiude lo stomaco”, “sei il mio pensiero costante”. Avrei voluto dirgli che.

Non dissi nulla.

Lasciai che fosse libero di scegliere, perché, se mi amava davvero, non sarebbe andato via.

Sparì nella pioggia, senza dire altro.

“Abbi cura di te” sussurrai.

Marisina V.