In cammino senza meta

Non sono capace di guardare in un’unica direzione.
Non sono capace di percorrere la stessa strada senza lasciarmi distrarre.
Non sono capace di scegliere.
E non sono neanche capace di valutare che cosa sia giusto per me.
Ed è allora che entro in confusione.
E smarrisco tutto. Anche la memoria.
Mi ritrovo sconfitta senza capirne il perché.
Scappo.
E’ l’unica cosa che so fare.
Scappo il più lontano possibile. Perché ho paura. Perché sono fragile.
Scappo senza neanche accorgermene. Mi rintano nel primo luogo sicuro che incontro. E resto lì, finché tutto si plachi.
Solo dopo mi rendo conto di quanta strada io abbia fatto.
Solo dopo mi accorgo di quello che ho lasciato e di essermi smarrita completamente.
Non mi resta che rimettermi in cammino e tentare di ricordarmi dove fossi diretta.

Maris