La solitudine dell’anima. 

Non mi fa paura tanto la morte quanto il restare soli da vecchi. Già mi immagino piegata in due dall’età che a stento esco per far la spesa. Debole, spossata, piena di dolori. Senza futuro. Continua a leggere “La solitudine dell’anima. “

L’altra me

Stasera non sono io.
Sono l’altra me, quella un po’ triste, quella con un nodo in gola, quella che si accuccia sul divano e sta in silenzio con gli occhi chiusi mentre si abbraccia aspettando che il peggio passi.
Quella che accantona i “perché senza risposta”, pensando che non ne valga più la pena scervellarsi inutilmente e farsi male.
Quella che vuole stare sola per non disturbare, che non ha voglia di sorridere, che vorrebbe piangere, che vorrebbe chiudere gli occhi per sparire nel nulla.
Stasera non sono io.
Sono l’altra me.
E mi aspetto ansiosa.
Perché so che non sparisco mai per sempre.

Marisina Vescio